La “Strategia nazionale di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco” è uno strumento con orientamento scientifico e allo stesso tempo pratico, che mira a guidare in modo adeguato le attività dei vari attori coinvolti e a condurli al miglior risultato possibile. L’obiettivo è quello di aumentare le possibilità di sopravvivenza con un buon esito neurologico in caso di arresto cardiaco improvviso e prematuro. La strategia di sopravvivenza, attraverso i suoi obietti, facilita i partner di implementazione nella programmazione e priorizzazione delle loro attività. Essa non approfondisce dettagli specifici dal punto di vista operativo, ma rimanda alle pubblicazioni scientifiche, talune molto specifiche sull’applicazione pratica. I contenuti della strategia fanno riferimento alla rianimazione per tutte le fasce d’età. In talune tematiche, in cui la presa a carico terapeutica dei bambini si differenzia notevolmente dalla cura degli adulti, il testo fa emergere le differenze. Per contro non si fa riferimento alla rianimazione neonatale, in quanto i centri di riferimento svizzeri sono pochi. La strategia non riguarda gli arresti cardaci relativi al fine ciclo di vita o quale conseguenza di una malattia preesistente, grave e mortale.
SWISSRECA, il registro svizzero delle rianimazioni dell’IAS, è lo strumento di riferimento per misurare il grado di raggiungimento degli obiettivi fissati nella strategia.